F.A.0473

Idea principis christiano-politici centum symbolis expressa a Didaco Saavedra Faxardo, equite, &c. - Editio novissima, à mendis accuratè expurgata. - Coloniae : apud Joannem Carolum Münich, 1669.
[24], 795, [5] p. : ill. ; 12

il frontespizio inciso -- mm 60 x 113 (impronta del rame)

* * * *

In primo piano, alla base dell'immagine, sono Ercole e Filippo IV di Spagna. Il re regge la clava di Ercole e ha ai suoi piedi l'idra.

Ercole scorta il re verso il trono che appare sul fondo e che indica con un cenno della sua mano sinistra.

Su ogni lato, due colonne a cui sono sospesi scudi con attributi che rappresentano diverse virtù: sulla sinistra Giustizia (bilancia e spada) e Prudenza (serpente); sulla destra Fede (calice, croce) e Fortezza (colonna).

Il trono è vuoto. Ai lati due eroi, con gli oggetti simbolo delle loro imprese.

Davide regge l'enorme testa del gigante Golia, sottobraccio la spada con cui l'ha tagliata. Giasone, che poggia sulla sua lancia puntata ai piedi del trono, tiene bene in vista, stretto nella sinistra, il vello d'oro.

Al di sopra del trono la scritta: S[IC] ITVR AD ASTRA.

* * * *

Nell'insieme l'immagine riprende, semplificandolo, lo schema del frontespizio inciso dell'edizione di Bruxelles del 1649.

Si trattava in quel caso di un in-folio, dove le diverse dimensioni permettevano di affollare la scena con una quantità di personaggi qui improponibile. D'altra parte la riduzione imposta dal formato sembra dare forza all'immagine.

L'incisore anonimo dell'edizione di Köln, probabilmente tedesco, ottiene un risultato che non è affatto inferiore a quello di Quellinus e Danoot.

frontespizio calcografico

vedi anche:

punto beige particolari del frontespizio inciso: il trono e le virtù; Ercole e Filippo IV di Spagna
punto beige i due frontespizi: calcografico e tipografico
punto beige il frontespizio inciso dell'edizione di Bruxelles del 1649 e l'antiporta dell'edizione veneziana del 1684

[a cura di a.l.]